Web therapy: ritorna in auge la psicoterapia via internet


Più di 5 milioni di italiani si rivolgono al terapeuta virtuale per problemi d'ansia, di coppia e sesso. L’esperto ci spiega come funziona

Lo psicologo “virtuale” non è una novità. Già nei primi anni duemila, con la rivoluzione di internet, la psicoterapia via web ha cominciato a prendere piede, salvo poi passare da nuova frontiera in materia di innovazione in medicina a uno dei tanti fenomeni passeggeri che si sono sgonfiati con il calare dell’iniziale entusiasmo per tutto ciò che di nuovo passava dalla rete.
L’avvento dell’era 2.0 e soprattutto dei social network e della comunicazione immediata, ha riportato in auge la web therapy, tanto che oggi un buon trenta per cento della popolazione europea ne sta facendo uso già da qualche anno, con risultati, secondo l’Università di Zurigo, per il 78 - 84 % soddisfacenti. Anche in Italia le cifre stanno crescendo: le stime parlano di un’utenza che va dai quattro ai sette milioni di individui.
Abbiamo chiesto a Francesco Attorre, psicoterapeuta ad approccio integrato, sessuologo clinico e medico ad indirizzo psicosomatico, di illustrarci vantaggi e svantaggi di questo diverso sistema terapeutico.

Per continuare a leggere l'articolo clicca qui: www.panorama.it/scienza/salute/web-therapy-ritorna-in-auge-la-psicoterapia-via-internet/



Cerca nel sito

iscriviti alla sipap

dal 2016 sipap è affiliata con confcommercio, Possibilità di fondi europei anche per i professionisti psicologi

rinnova la tua iscrizione

mappa degli psicologi

Mappa degli iscritti