I genitori possono non comprendere questi comportamenti e la loro reazione può passare dalla totale perdita delle "staffe" all'indifferenza. Vedremo insieme il possibile significato del comportamento del bambino e i modi per gestire in modo efficace questi momenti.

" />

Che capricci: significato e gestione dei momenti più “difficili” per mamma e papà

ID seminario:7286


24/10/2015

Inizio: h16:00 / Fine: h17:30

Relatore/i: Rossella Lauria ,

Libreria Infinite parentesi

Via Fano Adriano 10, 00132 Castelverde Roma ( RM )


I bambini, in alcune circostanze, mettono in atto dei comportamenti che gli adulti chiamano "capricci", come piangere, urlare, buttarsi per terra, protestare vivamente oppure lamentarsi molto. I bambini hanno difficoltà ad esprimere i propri bisogni e le proprie emozioni. La frustrazione che ne deriva può sfociare in atteggiamenti "capricciosi".
I genitori possono non comprendere questi comportamenti e la loro reazione può passare dalla totale perdita delle "staffe" all'indifferenza. Vedremo insieme il possibile significato del comportamento del bambino e i modi per gestire in modo efficace questi momenti.